Sale rosa dell’Himalaya: proprietà e benefici

Il sale rosa detto “dell’Himalaya” è un salgemma estratto dalla miniera di Khewra, situata in Pakistan. Rispetto al sale bianco, più comune ed economico, presenta caratteristiche differenti, come la minore concentrazione di cloruro di sodio. Vediamo insieme i dettagli.

Sale rosa dell’Himalaya: proprietà e benefici

Il sale rosa dell’Himalaya è un prodotto minerale, quindi non sottoposto agli agenti inquinanti delle acque. Viene consumato nella sua forma integrale, senza trattamenti chimici e conserva tutte le sue naturali caratteristiche. Il salgemma dell’Himalaya contiene cloruro di sodio (NaCl) e altri minerali come rame, zinco e nichel, ma soprattutto ferro, il responsabile della colorazione rosata.

Come appena detto, il sale rosa contiene cloruro di sodio, ma in concentrazioni minori rispetto ai sali bianchi; questa caratteristica è importante perché i rischi di ritenzione idrica e ipertensione legati ai cibi salati si riducono.

 

Secondo alcuni studi, il consumo di questo sale sarebbe un’ottima scelta per la salute: pare, infatti, essere benefico per l’ apparato circolatorio e per quello respiratorio; in più aiuterebbe ad attenuare i dolori articolari.

In cucina si utilizza per esaltare il sapore di alcuni cibi, come le insalate e la carne al sangue. Una caratteristica del salgemma rosa, particolarmente apprezzata dagli esperti culinari, è la friabilità dei cristalli.

Sale rosa dell’Himalaya: consigli e controindicazioni

  • Se utilizzi il sale rosa dell’Himalaya, elimina dalla tua dieta gli altri sali, altrimenti non noterai i suoi effetti benefici.
  • Questo salgemma non contiene iodio, quindi è sconsigliato a chi ha la necessità di integrare questo elemento, presente nel sale marino.
  • In caso di intolleranze alimentari e allergie ai metalli, chiedi al medico se puoi utilizzarlo.
  •  Non dovrebbe dare effetti collaterali, ma, trattandosi pur sempre di un sale, è meglio usarlo con moderazione.

Sale rosa dell’Himalaya: usi alternativi e rimedi naturali

In caso di problemi respiratori, si possono effettuare suffumigi con questo sale. Il salgemma dell’Himalaya è perfetto anche per ricette di bellezza e rimedi naturali, quali pediluvi, bagni e scrub, al posto del sale bianco. I cristalli più grossi del sale rosa, invece, vengono utilizzati dalle ditte di complementi d’arredo, per creare oggetti come soprammobili e lampade.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.